22.07.2017 Memorie di un irresistibile libertino

memorie di un irresistibile libertino locandina

 

Debutta sulla terrazza di Villa Caccia, in una splendida cornice di teatro sotto le stelle, il reading "Memorie di un irresistibile libertino" che porta in scena, tra giochi di parole e inseguimenti musicali, la comicità cinica, irriverente, caustica di Groucho Marx.

In scena due scanzonati artisti che sembrano usciti da un vecchio film di inizio secolo decimonono: un attore e una pianista, in dialogo, non sempre in accordo. Sono Andrea Piazza (regia e voce narrante) e Camilla Marone Bianco (musiche e pianoforte). Alle luci Simone Valmacco e all'audio Paolo Grazioli, dell'Associazione 92 decibel.

Dal libro del comico di inizio Novecento famoso ovunque per i suoi baffoni e le sue battute al vetriolo ecco uno spettacolo che ripropone alcune delle pagine più divertenti del Marx meno comunista e più irriverente: è un comico desideroso di compagnia femminile, quello che va in scena a Villa Caccia, ma tanto sfortunato negli incontri quanto sarcastico nei suoi commenti. Del resto nulla ci si potrebbe aspettare di più da un libro che, scrive Groucho, <<è stato scritto nelle lunghe ore che ho passato aspettando che mia moglie si vestisse per uscire, mentre se non si fosse vestita affatto questo libro non sarebbe mai stato scritto>>